21.7.14

Oltre un crumble



Mentre preparavo i miei bei bagagli, diretta in Olanda, ero pervasa da un senso d’ansia e d’angoscia; il timore di non sapere cosa avrei trovato sapendo benissimo cosa stavo lasciando; stavo barattando la mia ‘sicurezza’, il mio ‘porto sicuro ‘, la presenza costante dei miei affetti… “Con che cosa?”, mi domandavo. Certamente, benché ansiosa e angosciata, ero anche incredibilmente eccitata; era l’eccitazione della ‘novità’, dell’avventura, di una vita nuova nella quale immergersi a capofitto senza esitare. Allora ho cominciato a capire che ciò che lasciavo alle spalle era nient’altro che… il mio essere ancora bambina, il mio ‘avere ‘ nient’altro che una possibilità, quella possibilità che, facendoti dipendere sempre da qualcun altro, non può mai farti sentire realmente libera.

Così, ho assecondato le mie angosce e ansie, ben consapevole che ciò equivaleva anche ad incrementare quelle altrui, di tutti coloro che mi dicevano: “ Vai e vivi la tua vita!” , ma con un velo di nostalgia impresso negli occhi.
Ma…quante volte pensiamo di poter vivere? Nel dubbio, mi accontento di vivere in base alle mie certezze apparenti e alle mie paure e incertezze e ansie.
“ La paura, non è niente!” , mi ha detto una volta mia nonna sentendomi singhiozzare nel lettino in una stanza troppo buia. Stringendo il pugno chiuso vicino al suo petto, e poi aprendolo all’improvviso, mi aveva mostrato il ‘vuoto’ nel palmo della sua mano; la paura, il niente, per l’appunto, e tutt’intorno noi stessi a crearci, spesso esagerando, ansie e paure.
Ho capito però che non sempre le cose vanno come gli ingredienti elencati in una ricetta di pasticceria con i suoi grammi e milligrammi.
Farsi sorprendere però è una prerogativa. Ogni tanto le sorprese sono belle e così inaspettate che ti fanno sorridere anche a distanza di tempo; ogni tanto le sorprese sono brutte e l'unica cosa che speri è che passino così in fretta come sono capitate. 
A pensarci bene, spesso ci si fa molto più male a scervellarsi su come risolvere problemi che ancora non si sono attualizzati, piuttosto che attendere di vivere sul serio una situazione, e solo a questo punto tentare finalmente di analizzarla ed eventualmente correggerla. Non mi è mai piaciuto vivere solamente di sensazioni; equivale a vivere da soli, dunque lontani dalla realtà. 
Molto spesso le cose non vanno come avevi programmato, sognato, immaginato... ma prendono nuove pieghe, il fato ti fa lo sgambetto e la vita non è più quella programmata nella tua lista, diventa come la superficie ruvida di un "crumble", ma potrebbe sorprenderti ugualmente, con il suo ripieno.
Perché di vacanze se ne possono progettare anche due o tre tutte in un anno e perché no concedersi il lusso di farsi un regalo e non pensare troppo al futuro, alle incertezze, ai programmi prestabiliti, alle cose che non vanno come vorresti....
Hai presente quella tavoletta di cioccolato al caramello che ho detto che non mi piaceva perché c'era poco caramello? 
Me la sono mangiata tutta.

Crumble cakes croccanti al cocco con mirtilli e non gelato alla banana



Ingredienti:
200g farina 00
110g burro
50g di zucchero semolato
2 cucchiai di farina di cocco
1 cucchiaio di muesli
mirtilli freschi qb
per il non-gelato:
2 banane
1 cucchiaio di burro di arachidi (facoltativo)

Mescolate la farina, il cocco, una manciata di muesli con lo zucchero e il burro freddo a pezzetti; lavorate il tutto con le dita fino ad ottenere un impasto sbriciolato. Aggiugete qualche cucchiaio di acqua fredda e ricomponete l'impasto in maniera uniforme. Foderate le teglie da crostata con della carta forno e con le dita stendete uno strato di impasto, lasciando i bordi più rialzati. Mescolate i mirtilli con un cucchiaio di zucchero e rivestite le crotatine. Sbriciolate al di sopra l'impasto avanzato e un altro cucchiaino di zucchero.
Cuocete a 180° in forno già caldo per un quarto d'ora o fino a doratura.

Per il gelato alla banana: sbucciate e tagliate a fettine le banane. Lasciatele congelare in freezer per qualche ora e una volta solidificate passatele al mixer (potete aggiungere un goccio di latte se il vostro robot non riesce a frullare come si deve); otterrete una crema gelato perfetta da abbinare a queste crostatine o da mangiare a cucchiaiate.



45 commenti:

  1. Mi piace da morire.. sia il crumble che il tuo invito a lasciarsi sorprendere, spero di riuscire a seguire il tuo esempio!! Un caro abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elisa te lo auguro, perché a volte basta davvero poco...un abbraccio anche a te!

      Elimina
  2. Tesoro concordo con te..non sempre si può programmare la vita e vivere lontani dai dispiaceri e dalle incertezza..bisogna prendere quello che la vita ci dà e trovare il lato buono anche in quello che in apparenza ci sembra sbagliato mentre la bontà del tuo crumble è una vera certezza!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Imma, sei riuscita a riassumere in poche righe una cosa importante e anche questo si può dire che è "il bello della vita"! Grazie per la fiducia...:-)

      Elimina
  3. E' quando abbandoniamo la paura di vivere che gustiamo al meglio il sapore della vita. Perchè il fato, confermo, ci sorprende sempre.
    Questo crumble, il gelato che adoro e le tue foto sono di certo il lato sorprendente di questa giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione. E io intanto, come posso non rimanere felicemente sorpresa dalle tue parole? Grazie :-)

      Elimina
  4. La cosa difficile è riuscire a cogliere tutto il bello che ci capita ogni giorno invece che vedere sempre e solo i problemi. Come queste crostatine, ma quanto sono belle...sono talmente carine e sicuramente talmente buone da rimettere in pace con il mondo. Se ho capito bene la base è una specie di brisè con il cocco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' difficile vero, ma quando ci si riesce, saranno apprezzate molte più cose comprese quelle piccole che tendiamo a non considerare! La pasta, molto friabile assomiglia a quella degli shortbread, con l'aggiunta del cocco e dei cereali. Provala, merita anche lei un suo momento...:-)

      Elimina
  5. Hai scritto tante cose che più spesso forse ci dovremmo ripetere, la necessità di risolvere problemi che ancora non si sono presentati è un vizio comune che logora e alla fine non risolve nulla!! Forse come si fa esercizio fisico dovremmo imparare ad allenare anche la nostra testa e il nostro spirito per poter vivere solo il momento, come accade quando si mangia e si è concentrati sul gusto di quello che si assapora! Meraviglioso il tuo crumble e splendide queste foto!

    RispondiElimina
  6. E' vero troppo spesso ci angosciamo e fossilizziamo su piccoli problemi ingigantendoli e facendoci sfuggire il presente...niente di più sbagliato!! Spesso lasciare la strada maestra per seguire un istinto si rivela la scelta vincente!!
    Buonissimo crumble e figo il non gelato alla banana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah abbiamo commentato da due postazioni diverse! Questo è di Laura e quello sopra di Sara :)

      Elimina
    2. Mi avete fatto sorridere perché mi avete entrambe lasciato un commento, ma due pensieri così profondi che ne sono onorata. Grazie ragazze!

      Elimina
  7. ecco, splendore infinito questo crumble. e complimenti per la tua forza di volontà! io non sarò mai pronta a fare una scelta così audace per un salto nel buio.. troppa paura, paura di niente, paura inventata.. ma ancora paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me c'è chi sente l'esigenza di fare qualcosa che si spinge oltre le cose che può controllare e c'è chi sta bene così, senza dover far salti nel buio o complicarsi la vita...anche questo è il bello!

      Elimina
  8. E' vero, a volte dopo uno sgambetto del destino si trovano nuove vie e prospettive. Ti auguro che le tue siano sempre dolci come questo ripieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arianna, ti ringrazio per il tuo augurio dolcissimo.

      Elimina
  9. Mentre ti leggevo mi sembrava che parlassi a me e che mi guardassi negli occhi ...io sono così, e spesso mi arrovello il cervello su questioni che potrebbero accadere, che non si sono verificate e chissà se lo faranno...cerco di prevedere tutto, per prepararmi al colpo, perché dentro di me c'è tanto di quel palmo vuoto che ti ha mostrato tua nonna da bambina da sentire un eco continuo... ma non si può prevedere nulla, non ci si può preparare e la vita non è una ricetta con i grammi pesati e il risultato certo e davvero ricorda il tuo crumble :) Probabilmente ora come ora la mangerei anch'io, tutta di corsa, la tavoletta di cioccolato,presa da mille pensieri, ma se potessi scegliere preferirei il tuo crumble con la superficie ruvida e il ripieno inaspettato :) E' sempre bellissimo leggerti Martina:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lullaby, è un piacere ritrovarti qui e sapere che condividiamo molti aspetti delle nostre vite mi fa sorridere e al tempo stesso riflettere...intanto sono qui con te a mangiare quella tavoletta di cioccolato e magari a metà ci fermeremo per assaporarne meglio il gusto e decidere insieme in quale ricetta utilizzarla...:-)

      Elimina
  10. la sorpresa del lasciarsi sorprendere e soprendentemente immensa.
    Quanta bellezza in questo post.

    RispondiElimina
  11. Conosco bene la sensazione che hai descritto, il senso di insicurezza e di paura di qualcosa che non si conosce c'è è presente, ed è proprio da esempi come il tuo che trovo la forza, grazie di averci raccontato le tue emozioni Martina!!
    Questo crumble è come una dolce coccola che ti da conforto, dev'essere squisito quel non gelato alla banana!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se sono in grado di poter essere d'esempio, ma apprezzo tanto quello che mi hai scritto Daniela. Sono convinta che si può andare oltre la paura, non sempre certo, ma la forza di volontà non deve mancare! I dolci rimangono per me il miglior confort e se ci aggiungiamo un gelato cremoso con un solo ingrediente allora il confort è doppio! :-)

      Elimina
  12. Buono il crumble e sicuramente mangiandolo riesci per un attimo a dimenticare tutto !! Buona giornata e a presto !!! Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia, come ho scritto a Daniela, i dolci sono la mia coccola...e nella parola "dolci" è compreso il cucinare, fotografare e gustare ;-)

      Elimina
  13. Le tue ultime riflessioni mi hanno colpita e le condivido, la vita noi la programmiamo perchè non ci hanno abituato (giustamente) a vivere alla giornata.. ma: "studia" per un futuro migliore, "risparmia" in futuro non si sa mai, e così via...
    L'importante è sapersi rialzare e riorganizzare quando la vita fa lo sgambetto, è facile a dirsi ma ci vuole tempo e forza, ma il bello della vita come scrivi e che a volte nei suoi cambiamenti ti sorprende positivamente...
    Io amo i crumble, che bontà coi mirtilli e poi è troppo carino anche da vedere ;*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo, bisogna trovare quella forza ed avere quella giusta dose di ottimismo non guasta...un crumble (per le piccole cose ovviamente) può essere la giusta consolazione :-)

      Elimina
  14. Eccomi! Dopo aver visto la foto su IG non potevo assolutamente perdermi questo post!!! Sembra delizioso e fatto su misura per me, quindi non vedo l'ora di provarlo! Mi piace il tuo modo di scrivere e quindi scappo a leggermi altri post!
    Buona giornata :)
    Donyrom su IG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta qui allora! Se avrai occasione di provarlo vedrai che è facilissimo da fare e il risultato è una tortina deliziosa da riempire con la propria frutta preferita. Intanto ti ringrazio per i complimenti e a presto :-)

      Elimina
  15. "Molto spesso le cose non vanno come avevi programmato, sognato, immaginato... ma prendono nuove pieghe, il fato ti fa lo sgambetto e la vita non è più quella programmata nella tua lista, diventa come la superficie ruvida di un "crumble", ma potrebbe sorprenderti ugualmente, con il suo ripieno."
    ( mi piace tutto. )

    ...se ti dicessi che ho adorato questo tuo post, tu mi crederesti, vero?
    E poi, queste foto.. ma quanto sono belle?! Brava Marti, brava davvero dolcezza.
    Non mangio dolci da un po', ma per te farei un'eccezione..e voglio anche il gelato :)
    Un bacio grande :***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ileana, ci mangiamo un crumble ricoperto di gelato in una delle nostre fantastiche ciotoline :-)

      Elimina
  16. Ciao tesoro, mi sei mancata lo sai? Spero di riuscire ad essere un pochino più costante di qui in avanti... Come stai? <3 Mi è piaciuto molto questo post.. l'immagine di tua nonna e del pugno chiuso mi ha colpito molto... la paura non è niente, è vero. Però vai a capirlo, a volte, che non è niente. Devi fare un respirone e lasciare andare, poi passa, devi cercare di guardare dietro l'angolo... perché, poi, come dico sempre: "dietro le paure si nascondono tesori"... Io ti auguro tante cose belle e mi delizio gli occhi con questo splendido crumble... devo assolutamente provarlo... il non - gelato... che bontà!!! :D Un abbraccio stretto <3 :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale, che bello riaverti qui <3 Mi sono appuntata la tua frase, è bello averla qui e rileggerla ogni tanto. Grazie mille amica, un abbraccio fortissimo :-*

      Elimina
  17. vai e buttati senz'ansia in questa nuova avventura , te lo dice una giovane mamma <( e si 39 anni e 3 figli mi sento giovane ihihihih ) che di ansie ne ha troppe, pensando al futuro dei miei figli essendo stati noi dei genitori impulsivi e commettendo anche errori ma se non osi non saprai .
    la mia vita è davvero come un crumble ruvida ma con uncuore morbido

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene a sentirti giovane cara Veronica e ti dirò, alla fine il ripieno è la cosa più importante! ;-)

      Elimina
  18. Ti ho letta tutta d'una fiato e non posso che comprendere quanto hai scritto essendo un po' nella medesima situazione :) Buon weekend!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci comprendiamo allora...un bacione fotografa :-)

      Elimina
  19. Fai le tue esperienze, te lo dice una mamma un po' ansiosa: devi farle! Anche la mia Marta dovrà farle ed io sarò tremendamente in ansia, ma dovrò abituarmi...ti auguro tante belle cose e spero che il tuo weekend a Bruxelles sia meno bagnato del nostro. Sabato mattina c'è il mercato delle pulci ai Marolles: noi ci abbiamo comprato delle caccavelle per il blog. Buon fine settimana - io mi godo questo meraviglioso crumble :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia mamma per fortuna mi ha sempre incoraggiata a fare nuove esperienze e ne sono grata! Sono tornata qualche ora fa da Bruxelles, ma avevo letto il vostro commento prima di partire. Purtroppo sabato abbiamo fatto una capatina a Gent e mi sono persa il mercatino...recupererò sbirciando le caravelle nel vosto blog :-)

      Elimina
  20. Anche io sono in procinto di partire per un lungo periodo all'estero e mi sento proprio come hai scritto in queste righe! Sono spaventata ma, come dici tu, non vedo l'ora di lasciarmi sorprendere :). Spero che la tua esperienza stia procedendo bene!
    Non vedo l'ora di provare la ricetta di questo crumble!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai già sarai partita per la tua nuova avventura, magari un giorno ci incontreremo da qualche parte nel mondo, intanto ti mando un grosso in bocca al lupo e un abbraccio :-)

      Elimina
  21. Una delizia per gli occhi e soprattutto per il palato!! Mi sto perdendo tra le tue ricette e le tue meravigliose fotografie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marta sei la benvenuta qui, mi perdo con te in un mondo zuccherino e goloso :-)

      Elimina
  22. Attualmente sono in Svezia a vivere e sto facendo scorta di mirtilli per l'inverno! Senz'altro proverò anche questa ricetta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve essere un paese bellissimo la Svezia, immagino che tu non stia solo facendo scorta di mirtilli, ma di ricordi, immagini, profumi e molto altro ancora...aspetto un tuo feedback presto allora!!

      Elimina