6.9.13

Happy marriage cake



Dall'Islanda, oltre che a tanti ricordi, ho portato anche un bel po' di ricordini gastronomici, nonostante il mio zaino da giovane escursionista inerba - ovvero stracolmo di cose inutili- non me lo permettesse.
In casa, come ogni volta che ritorno da ogni viaggio, ci si mette in tavola e iniziano i racconti del viaggio, accompagnati dalla presentazione delle foto...
"ma ma dicci piuttosto l'hai visti i Craiser??" dice la mamma
"ma certo che avrà visto i Graiser!! E i pecoroni che vanno vicino ai Caiser per dissetarsi?"

"Mamma, Papà, si chiamano Geyser. Vicino a loro oltre che ai turisti non c'erano pecoroni! Ma che documentari guardi?"
Sta storia dei pecoroni (termine tecnico coniato da mio padre che sta ad indicare una specie di pecore miste a capre...) andava avanti dal giorno in cui ho detto che andavo in Islanda
"L'Islanda è famosa per i suoi animali: un incrocio di cavalli e asini, un incrocio di orsi e foche, un incrocio di pecore e capre...con le corna, che attaccano l'uomo!! State attenti! Questi animali sono soliti riscaldarsi vicino ai Craiser! L'ho visto in quel documentario che trasmettevano su...."
Insomma, tra una parola e l'altra tiro fuori le produzioni islandesi da far assaggiare...
Insieme a prosciutti di animali sconosciuti (probabilmente di pecoroni), radici di vario genere, rape, e pesci secchi alla fine della variopinta degustazione affondiamo tutti il cucchiaio nella marmellata.
Un bel secchiello di marmellata di rabarbaro (io ancora non riesco a trovarlo qui nei dintorni di Roma, suggerimenti?) di 1 kg.
"Mmm ma che è?"
"Ma ti piace?"
"Si...vedo sulla confezione disegnato il rabarbaro"
"Si! è marmellata di rabarbaro!
"Sembra marmellata di prugne!Mmm, non mi convince..."
E giù con altre cucchiaiate per testarla meglio...
La marmellata rimane in frigo per due giorni.
Apro il frigo per cercare la marmellata e la vedo tutta piena
" Peccato non è piaciuta molto...poco male, ci farò la torta!"
Prendo in mano il secchiello.
"Mazza ma com'è è così leggero?!"
Apro la confezione. E' mezza vuota.
Per la precisione la marmellata è stata scavata con molta cura con un cucchiaio (almeno spero) al centro del recipiente, fino ad arrivare in fondo, ma lasciando le pareti della confezione ricoperte di marmellata! Avete presente? è per non dare nell'occhio; è per non far capire che ci sono dei golosi in giro.
Passa la mamma dietro di me e intanto ammiravo il lavoro di gran classe fatto (che poi in genere è lo stesso lavoro che la mamma fa per quel barattolino così magico che si chiama nutella! è magico, perchè appare e scompare per magia, poche persone lo riescono a vedere per più di mezza giornata in dispensa...)
"Il babbo, poverino, ne mangia poco alla volta, perchè vuole lasciarla a tutti!"
"Ahhhhhhh"
Prendo di corsa il barattolino e vado a fare la crostata islandese che avevo in mente
"Sennò mi tocca ritornare in Islanda per averne un altro barattolo!
Mmm, a pensarci bene potrei usare questa necessità come scusa per ritornare li...!!

Come avete capito oggi vi presento un dolce islandese esattamente il Hjónabandssæla
Ehehe, si lo so, l'islandese sembra più complicato dell'arabo.
Comunque, informandomi in rete il significato del nome è "torta del felice matrimonio".
Ora, non so se questo dolce nasconde qualche segreto, ma è davvero molto buono.
L'avevo assaggiato in un Kaffi islandese e appuntatomi il nome in inglese ( oatmeal and rhubab pie) ho fatto una ricerca su internet. Come al solito, ne ho viste diverse versioni, io mi sono attenuta a quella più simile a quella che avevo mangiato.
La ricetta l'ho presa da lui e modificata a mio gusto.

Crostata di rabarbaro e avena con crumble


Ingredienti (per una teglia da 20 cm):
170g di farina 00
100g di farina di avena*
150g di burro morbido
80g di zucchero semolato
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 uovo e 1 tuorlo
una goccia di essenza di rosa (o vaniglia se preferite)
marmellata di rabarbaro
zucchero a velo per la decorazione

per il crumble:*
35g di burro morbido
40g di farina 00
20g di zucchero di canna
10g di avena


In una ciotola mescolate le farine, il burro, lo zucchero e le uova con le mani fino ad ottenere un impasto sbricioloso; aggiungete le uova, l'essenza e il lievito per dolci setacciato. Formate un impasto omogeneo e successivamente arrotolatelo nella carta trasparente e lasciatelo riposare in frigo per un oretta.
Accendete il forno a 200°. Stendete la pasta, se risulta troppo morbida, stendetela direttamente sulla teglia imburrata e infarinata precedentemente e aiutandovi con le dita rivestite anche i bordi con l'impasto. Versate qualche cucchiaio di marmellata, senza esagerare.
A parte preparate il crumble mescolando insieme gli ingredienti con le dita e versate le briciole sopra la marmellata.
Infornate per mezz'ora più o meno.

Se siete golosi, servitela con la crema ;)


*{ Note }

- io ho usato la crusca d'avena; se avete l'avena in fiocchi potete mixarla e ridurla in farina;
- se aumentate le dosi della pasta frolla, il crumble il superficie lo potete fare con la pasta in eccesso o creare direttamente le griglie come una crostata classica;
- regolate la quantità di zucchero; io avevo messo circa 100g di zucchero nell'impasto più lo zucchero a velo in superficie, forse troppo zuccherina...Anche se in realtà chi ha la glicemia alta (come la mamma) apprezzerà di più!

Buon fine settimana,




56 commenti:

  1. Marty anche in casa mia succede la stessa cosa con mio marito!! Nutella e confettura ai marroni non posso tenerli in casa perché durano davvero poco e vada per la confettura ma la nutella é per i bimbi ma non riesce proprio a frenarsi!! La confettura di rabarbaro é davvero introvabile anche per me dovresti vedere on line oppure da castroni....trovo questa torta davvero una favola e originale come il suo nome impronunciabile:-D!! Bacioniii, Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Imma eheh mi fa piacere che la situazione è simile! grazie per i consigli, cercherò meglio sul web allora! Bacioni cara :)

      Elimina
  2. haahahhaa i tuoi genitori sono davvero trementi!!! Bella la tattica del barattolo pieno ma vuoto...questa delizia sarà divina, complimenti!!!

    RispondiElimina
  3. Ahahah come le conosco queste cose da mamma! Anche la mia fa "magicamente" sparire qualunque tipo di prelibatezza culinaria facendo finta di nulla, finché tu non la scopri e usa sempre la scusa: "Beh a lasciarlo lì andava a male!" Questa torta deve essere deliziosa! Comunque anch'io qui non ho ancora trovato sta marmellata, quasi quasi faccio un saltino in Islanda! ;) Un bacioneeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehe mi è famigliare quella frase.. :) partiamo insieme? :)

      Elimina
  4. mi hai fatto morire, anche i miei genitori facevano così, per poi litigare fra loro perchè qualcuno ne aveva mangiata di più e l'aveva finita!
    hai realizzato un dolce davvero intrigante, pensa che ho in casa della marmellata di rabarbaro, proverò.......
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo ma davvero? fammi sapere allora!! Un bacione

      Elimina
  5. Buona e d'effetto!
    PS. Anche io qui a Milano non lo trovo il rabarbaro...è nemmeno i pecoroni :)
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehe prova a cercarli vicino alle fontanelle :))

      Elimina
  6. Ahahaha! I miei non indugiano nei barattoli ma nel storpiare le parole sì! Per mia mamma i muffin sono ancora i murphys :D
    Foto e dolce spettacolari, come sempre :)
    Un bacione :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah Valeee :D
      Grazie, un bacione anche a te :*

      Elimina
  7. divertente il modo in cui ci hai presentato la tua famiglia e la tua torta! Una torta ottima e anche ben fotografata. Grazie a te !

    RispondiElimina
  8. Purtroppo a Roma pure non c'è il rabarbaro. Che buono questo dolce!

    RispondiElimina
  9. Troppo divertenti i tuoi genitori..stai certa che non ti annoierai mai ^_^
    Anche da me il rabarbaro è qualcosa di strano e sconosciuto :-P Chissà che buona la tua marmellata e messa in questo dolce raggiunge l'apoteosi della golosità :-P
    Bravissima e bentornata <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio zia Consu!! se ti capita sotto gli occhi... te lo consiglio il rabarbaro :)

      Elimina
  10. Che buona questa torta!! Mai vista la marmellata di rabarbaro.. tanto che sto pensando di piantarlo in giardino!! sempre se trovo le piante.. ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh ottima idea!! Un bacio e grazie :)

      Elimina
  11. mamma che buona! e con quella crema cosi invitante!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio, è stata mooolto gradita :)

      Elimina
  12. i miei figli fanno lo stesso buco nel barattolo di nutella, a Roma del rabarbaro nemmeno l'ombra io ho dovuto ripiegare sullo sciroppo dell'ikea comunque bella torta e sicuramente buona mi piace il saporino del rabarbaro baci buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dall'Ikea l'avevo visto anche io lo sciroppo! tu come lo utilizzi?

      Elimina
  13. Meravigliosa la torta, meravigliose le foto ;) un abbraccio

    RispondiElimina
  14. notevole direi! le esperienze gastronomiche nordeuropee sono sempre le migliori! bacioni

    RispondiElimina
  15. Wowww Marti!!! Ma io adesso dove la trovo la marmellata di rabarbaro?? O.O
    Bellissima la strategia di tua sulla "conservazione" dei vasetti!!haha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehe Chiara grazie! proviamo entrambe dall'Ikea? :)

      Elimina
  16. Immaginavo la scena in casa tua, ma la storia dello svuotamento del barattolo di confettura è da sbellicarsi dalle risate!!!! Io la confettura di rabarbaro, se non erro, l'ho vista nel reparto food dell'Ikea....se ti può consolare fai un salto e vedi se ce l'hanno anche da te, altrimenti il 1° volo e torni nell'amata Islanda....tanto che ci vuole?
    Intanto assaggio il tuo dolce che non sembra affatto malaccio, anzi.....yum yum!
    Vale

    RispondiElimina
  17. Dolcissimo rientro in cucina con questa torta che ti copiero' presto, sostituendo la marmellata al rabarbaro con qualcos'altro, perche' non mi fa impazzire... in irlanda il rabarbaro me lo proponevano ogni giorno. La padrona di casa faceva una pie nauseante che dopo un mese ti giuro ho odiato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ma mi dispiace! sarà ottima comunque sostituendo la marmellata, fammi sapere :)

      Elimina
  18. Wow... l'anno scorso sono stata in Islanda e ho assaggiato anche io questo fantastico dolce!!!
    Tra le loro varie "stranezze" culinarie, hai visto/provato il pesce essiccato ? ...Per non parlare del famoso Hákarl ?? :-)
    Complimenti per la ricetta.. me la appunto immediatamente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehmmm non ho assaggiato nessun tipo di pesce :) ti ringrazio eyra! :)

      Elimina
  19. chde ottimo ricordo del rabarbaro, lo trovo perfetto per e crostate!

    RispondiElimina
  20. Mi hai fatto scompisciare dalle risate! Simpatici i tuoi genitori. Io ho una pianta di rabarbaro ma non diventa rossa, rimane verde...al limite un poco rosellina. Mohh... Il tuo dolce deve essere proprio ottimo. Se tu decidessi di tornare in Islanda per comprare la marmellata mi aggrego anch'io...ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meris grazie :D che bello che hai l'opportunità di avere la pianta in giardino!

      Elimina
  21. Ah allora non è solo a casa nostra che le cose spariscono magicamente...rincuorante ;)
    Davvero ricercata questa marmellata, ancor più perchè viene dall'Islanda! Il rabarbaro ammettiamo di non averlo mai assaggiato, ma in versione crostata con crumble....bè, potrebbe essere un ottimo inizio!
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheh, si mi sembra un ottimo inizio!! :)

      Elimina
  22. ahaha che ridere! mi sembrano i miei genitori! ahahah dio li fà e poi li accoppia no?
    che buffi che sono!
    mi hai fatto proprio ridere leggendo questo tuo simpaticissimo post!
    e mi hai fatto pure venire la curiosità di cercare questa marmellata di rabarbaro..la cercherò!
    se poi la trovo..te lo dico non sto a Roma, ma poco male te la spedisco!
    e delizioso questo dolce mmmm accompagnato poi da quella cremina
    via fammi scappare io sono a dieta stretta (ma stretta stretta eh)
    quindi occhio che non vede...
    ciao a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo che carina! grazie :) a presto cara!
      P.S. qualche sgarro ogni tanto fa bene ;)

      Elimina
  23. Che goduria questa torta e complimenti per la presentazione elegante e per le belle foto. A presto, Marty

    RispondiElimina
  24. Ciao cara, che bontà! Dev'essere deliziosa e le foto sono bellissime!
    Se hai del tempo passa da me per partecipare al Link Party "Back to Autumn" su Fragola e Cannella! Più siamo meglio è!
    Un abbraccio
    Nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nina! grazie, cercherò di partecipare :)

      Elimina
  25. Ciao Martina! ti ringrazio per raccontarmi sempre tante novita' sia culinarie che varie! anche da me la marmellata di rabarbaro è introvabile...quando sono andata in Trentino ho scoperto che li è pieno di foglie...mi piacerebbe una volta autoprodurla! questa torta è deliziosissima e molto bella la presentazione! complimenti!

    RispondiElimina
  26. Con la tua simpatia riesci a rendere ogni post sempre più interessante... questa torta è squisita... la devo provare per forza!
    Un bacione Martina!

    RispondiElimina
  27. Che meraviglia Martina!! E che forte la conversazione con i tuoi genitori!! Beh, la tattica del vasetto scavato al centro funziona sempre, ahahahahahahah
    Dv'essere golosissimo questo dolce, complimenti.

    RispondiElimina
  28. bellissima! te ne prenderei volentieri un pezzetto!
    buona serata
    spery

    RispondiElimina
  29. bellissima! te ne prenderei volentieri un pezzetto!
    buona serata
    spery

    RispondiElimina