20.10.14

La bellezza è negli occhi di chi guarda


Vi ricordate la città più brutta del mondo?
E' quella dove sto vivendo la mia vita ora. Qui c'è il mare e oggi l'ho visto con occhi completamente diversi; Il sole, che è uscito dopo giorni di pioggia, le volpi, viste nella stradina dietro casa che si voltano per guardarti e per dirti "guarda ci sono anche io"; le foglie, che si posano per terra, senza sovrapporsi ma con eleganza creano quadri di colori sul prato e gli scoiattoli che si avvicinano ogni giorno di più per richiamare la tua attenzione.
La meraviglia negli occhi, è una costante per me, per fortuna. Mia mamma fin da piccola mi istigava a mangiar carote per la salute dei miei occhi...fate voi (cit. titolo) :-)
E la mia meraviglia la imprigiono dietro delle immagini, perchè a scriverle non mi viene così bene e a parole non ne parliamo!

E se la meraviglia svanirà col tempo, ora a vent'anni non la voglio mettere da part,e ma consumarla fino all'osso.
Parlare senza arrivare ad una conclusione è una costante (e chi mi legge lo sa bene ;-)), ma lamentarmi non mi è mai piaciuto. E anche se parlare di felicità è quasi fuori moda, mi prenderò volentieri le mie responsabilità con l'auspicio di non ripetere, un giorno, l'odioso epiteto:"io...te l'avevo detto!".

Comunque, tornando a noi, avete presente il magico momento in cui all'improvviso, una strana idea vi si appiccica alla mente come conseguenza di un banalissimo evento?
Eccoti Nico, il mio amico greco, che mi passa "sotto banco" una fetta di Carrot Cake e mi si apre un mondo. Torna la meraviglia, quella di cui parlavo poco fa. Un sapore nuovo e la voglia di ripeterla che mi stuzzica la gola. Oggi ve la ripropongo, da una vecchia ricetta di dietaround rielaborata con il sapore degli agrumi e piccole "chicche" di uvetta ricoperte di cioccolato.
La mia prima torta di carote, non sarà l'ultima.

Torta di carote agrumata e uvetta al cioccolato e copertura di panna acida


Ingredienti (teglia quadrata da 22cm):

250g di farina 00
3 carote piccole (160g)
2 uova
160g di zucchero semolato
50g di crema di limoncello (oppure limoncello con un goccio di latte)
succo di un arancia
25g di burro morbido
mezza bustina di lievito per dolci 
una bella manciata di uvetta (al cioccolato)
un pizzico di sale


Grattugiate le carote finemente e lasciatele scolare in un colino (potete anche tritarle in un mixer ma senza far diventare il composto liquido). Aggiungete alle carote lo zucchero, le uova, uno alla volta con un pizzico di sale e mescolate con delle fruste. Aggiungete il burro morbido (quasi sciolto) e la crema di limoncello con il succo di arancia. Incorporate quindi la farina con il lievito e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo.
Rivestite una teglia con della carta forno, versate il composto e cuocete per mezz'ora a 170° in forno già caldo.
Per la guarnizione (ha il suo perchè!):
Mescolate la panna acida con dello zucchero (in quantità variabile in base ai gusti) e decorate la torta.
Lasciate riposare in frigorifero prima di servire,
La panna acida può essere sostituita con il mascarpone/formaggio cremoso/panna fresca in base alle proprie esigenze, ma vi assicuro, fa la differenza!







24 commenti:

  1. Adoro la torta di carote. Ne ho mangiata una fettina giusto ieri, però non assomigliava alla tua!! Era un mix di carote e nocciole!!
    Questa però la devo provare!!

    un baciotto
    Sara
    This is Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara! Ci sono tantissime versioni di questa fantastica torta...se provi la mia fammi sapere!,,,se devo essere sincera a me è piaciuta molto più della prima che ho assaggiato :')

      Elimina
  2. sara'sicuramente deliziosa... ;)
    a presto

    RispondiElimina
  3. E' sempre bellissimo leggerti e ammirare le tue incantevoli foto. Ti abbraccio forte, cara Martina... <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti abbraccio forte anche a te cara Erika <3

      Elimina
  4. uhm...intrigantissima questa versione di carrot cake....
    ...segno, segno...
    bacioni stella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo...un po' intriganti sono tutte quelle torte con all'interno dei vegetali...non trovi? :-)
      bacioni anche a te!

      Elimina
  5. ma pensa che io la torta di carote, l'ho sempre fatta "alta" e tonda...questa versione bassa e quadrata mi piace!!! (bellissimo lo sfondo con gli animaletti disegnati!!!) un abbraccio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sfondo è un bellissimo quaderno in stile "autunnale", è piaciuto molto anche a me! Come dicevo prima di torte di carote ce ne sono un infinità...forse dovremmo fare scambio di ricette! :-)

      Elimina
  6. E w la bellezza nascosta che poi, quando è rivelata, sarà ancora più meravilgiosa :)
    Buonissima torta...una vera coccola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna Rita, hai ragione, l'importante è sapere "guardare" ;-)

      Elimina
  7. hai avuto proprio una bella idea e mi piacciono anche gli accostamenti che hai usato.....l'uvetta glassata poi...a Natale ne mangio a chilate....buonissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece lo scoperta da poco! Proprio come la torta di carote...e ora non riesco a smettere di mangiarla(e)...sarà un caso? :-)

      Elimina
  8. Trovare la bellezza nelle piccole cose intorno a noi ci rende migliori, di questo sono convinta, cercare di ritrovare un sapore, un gusto legato ad un piacevole ricordo è bellissimo!! io adoro la torta di carote in tutte le sue infinite varianti :) un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dani, condivido le tue convinzioni! Grazie per esserci sempre, un abbraccio forte!

      Elimina
  9. Io adoro i dolci con le carote!!! Brava Marti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stanno per entrare nella mia top 10 ;')

      Elimina
  10. Conoscere è stupore improvviso! anche conoscere o ri-conoscere la bellezza! Deliziosa questa torta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Betulla, per rimanere in tema di precedenti post appunto, ri-conoscere, ri-assaporare, ri-vivere...e potrei continuare per un po' :-)

      Elimina
  11. Stupirsi per le meraviglie che ci circondano e apprezzare la bellezza, a volte nascosta, è ciò che ci fa vivere positivamente e con l'entusiasmo di una bambina...quella bambina che mangiava le carote perché fanno bene agli occhi...e che oggi ci ha regalato una torta deliziosa! Baci, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mary, quella bambina è sempre con me, aggiungerei per fortuna! Grazie mille per le tue parole :-)

      Elimina