9.11.13

Hola guaVa!



Dovete sapere che in famiglia, la mia passione culinaria non è del tutto condivisa; diciamo che, in linea di principio, il paradigma ricorrente è quello per cui: “ ciò che viene dalle cucine altrui, è sempre più buono”(per fortuna che ci sono assaggiatori esterni alle mura).


Tutto ciò lo dico per buona pace dei miei estimatori che mi gratificano con i loro complimenti.
Ho letto che succede anche a qualche altra blogger che è ancora in casa con i genitori..
“ Chi hai scelto come cavia stavolta?”, domanda spesso la mamma.
“ Guarda che il latte di topo non va mica bene per la crema pasticcera”, rimbrotta il Babbo.

Tempo fa dissi che avevo l’intenzione di realizzare i bagels al formaggio (spiegando che i bagels sono una specie di panino col buco al centro) con l’ovvia volontà di impasticciare per benino le mani nella farina. Purtroppo ho avuto la pessima idea di parlarne con loro.
Il giorno seguente eccoti Babbo tornare a casa con in mano un vassoio lungo mezzo metro ben impacchettato. 
“Cos’hai comprato?”, gli domando.
 Ed ecco che il suo volto si illumina del suo sornione sorriso saccente.
 “Ta-taan!”, esclama.
 Scarta la confezione ed eccoti apparire una sfilza di panini profumatissimi appena comperati al forno sotto casa.
 “Così ti risparmi la fatica!”, fa lui.
“Basta che li riempi di formaggio, fai un buco al centro e il gioco è fatto, no?”, riprende, incoraggiato dal mio sguardo sconvolto.
 Ma, tutto sommato, devo ammetterlo, tra la mamma e il babbo, è proprio lui che prova, con alterni risultati e metodi discutibili, ad incoraggiarmi a darmi da fare anche in cucina.
Pensate che una volta avevo bisogno della fiamma ossidrica, il cannello da pasticceria per intenderci( oppure, come dice il mio ragazzo… “quell’affare che usi in cucina per ‘squagliare’  le cose…), e lui, Babbo, si presentò a casa con la pistola da saldatore che tiene in cantiere.
“Guarda che roba!!! Con questa puoi fare uno scolapiatti con una pentola d’acciaio..!”. 
Comunque...basta il pensiero, giusto?
Ultimamente poi, non fa altro che tornare a casa con ceste piene di primizie: castagne, arance e cose del genere…(le avrete sicuramente viste su Instagram)

“Ma dov’è che le prendi?”
“Dagli alberi, dove vuoi che le prenda?”
 “Ma quali alberi?”
“ Quelli del nostro terreno!”
“Ma quale terreno?”
“ Il terreno al lago!”
“……Ma quale lago???

Ora: ho creduto saggio non approfondire la questione, se non altro per non rischiare di sentirmi raccontare per l’ennesima volta la millenaria storia della nostra famiglia intrisa di sproloqui di carattere scientifico-religiosi. 
  “ Quando dal Big Bang si generarono per emanazione Adamo ed Eva, ed essi mangiarono i frutti dell’Edenne, e il serpente, per spirito di adattamento, si era già fatto coccodrillo e Dio cominciava a sbucciare la prima mela” ….etc…etc…fino ai giorni nostri.
A proposito di primizie: voi conoscete i feioja o pineapple guava?
Io ho dovuto fare una bella ricerca per verificare le certezze del Babbo.
Se volete saperne di più vi consiglio una letta su wikipedia. Sono un piccolo frutto dalle molteplici qualità e da un profumo unico.

“Ma che sono quei cosi?”, gli domando, appena tornato a casa con l’ennesima cesta piena.
“ Sono i fetoka...ehm fetona...fotoja...frittona...!
"Frittata?"
"Eh? Ora non ricordo il nome preciso, da bambini li chiamavamo così!"
“ Ma così come? E si mangiano?"
“ I cavalli se li mangiano… MANGIO ERGO SUM!
“ Amen!”.


Pineapples guava meringue tart


Stampo a crostata Domo

Ingredienti
per la pasta frolla:
125 g di burro freddo di frigo
250 g di farina
2 tuorli
100g di zucchero a velo
la buccia di un limone bio

per la crema alla feija
35 g di amido di mais
60 g di zucchero (dolcificante Stevida)
un cucchiaino di buccia di limone bio grattugiata
65 g di succo di limone appena spremuto
un pizzico di sale
200 g di purea di feijoa (130g di feijoa e 70g di zucchero)
2 tuorli
35 g di burro

per la meringa
4 albumi
60g di zucchero semolato
qualche goccia di limone


Iniziate a preparare la pasta frolla. Mettete nella ciotola la farina e sbriciolatela con il burro, il sale e aggiungete lo zucchero.Formate una fontana nel cui centro andranno i tuorli e la buccia del limone. Impastate il tutto fino ad ottenere un impasto compatto. Avvolgete l'impasto in una pellicola trasparente e lasciate in frigo a riposare per mezz'ora.
Ricavate la polpa della feijoa e cuocetela con due cucchiai di zucchero a fuoco basso, senza arrivare ad ebollizione. Preparate la crema  mescolando in un pentolino l'amido di mais, lo zucchero, il sale e aggiungete quindi la purea di feijoa  e mescolare fino a far sciogliere il tutto.
Sempre mescolando, e appena raggiunto il bollore continuate la cottura per altri 2-3 minuti. Spento il fuoco all'impasto  ci aggiungiamo i tuorli. Uno alla volta mescolando per bene fino al totali assorbimento. Quando il tutto e' amalgamato rimettere il pentolino sul fuoco, far riprendere il bollore sempre mescolando. Spegnete la cottura e infine aggiungete subito il succo di limone e il burro (tagliato a cubetti) un pezzo alla volta, e mescolare  finché tutto sarà amalgamato.
Mentre si raffredda la nostra crema, prendiamo la pasta frolla, la stendiamo e rivestiamo i nostri stampi ben imburrati. Fate qualche buco con una forchetta, copritela con carta forno, riempirla di fagioli secchi e cuocerla in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.
Una volta pronto versate la crema sulla base e mettere in frigo a rassodare.
Intanto prepariamo la meringa: montare gli albumi con il limone. 
Quando cominciano a gonfiare aggiungere lo zucchero poco alla volta e continuate a montare fino ad avere una meringa solida.
Versarla sulla crostata delicatamente.
Io qui ho usato l'apposito l'apposito cannello da pasticceria  la fiamma ossidrica da muratore per scurire leggermente la meringa. In mancanza, va benissimo metterle sotto il grill del forno per qualche minuto.



Ho unito l'esotico ad un classico della pasticceria francese, questa ricetta partecipa alle Contaminazioni di Vaty.
Buon inizio settimana,





62 commenti:

  1. Aiutooooo anche io voglio la fiamma ossidrica x flan bizzarre i miei dolci!!!! Questi frutti non li conoscevo, ma di che sanno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehe :) difficile da spiegarlo, diciamo il gusto ricorda vagamente un ananas ma di consistenza gelatinosa e molto profumata..deve piacè! :)

      Elimina
  2. haaaaaaaaaaaaaaaaaaa fantastico!!! Le ho comprate all'Etna ma senza sapere cosa fossero e credo che adesso siano mature perchè fanno un profumo simile a quello di fragola.. io a-DO-ro la guavaaaaaa!!! Corro ad aprirne uno :) Grazie mille, martina!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena hai ragione il profumo è simile, mi fa piacere che adori questi fruttini!
      Un bacione

      Elimina
  3. Bellissima e immagino buonissima questa ricetta! Complimenti!
    Rosalinda.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ciao Martina! Leggendo le tue parole ho sorriso tutto il tempo e mi sono meravigliata delle similitudini con quello che succede anche a me. Tante volte mia mamma mi suggerisce metodi per "semplificarmi" la vita in cucina, pasta frolla pronta, crema pasticcera istantanea, i dolci pronti in pasticceria! così ti sbrighi prima (dice lei)! Anche se la sua cucina devo ammettere che è molto sana e non utilizza questi escamotage.
    Il punto che io c'è lo voglio perdere il tempo a pasticciare, sono una persona che sta imparando ad avere pasienza nella vita grazie alla pasienza che ho con i dolci, durante la loro preparazione! Mi rilasso c'è poco da fare. Mentre papà il fine settimana va a raccogliermi in campagna i frutti di stagione e appena arriva mi dice cose del genere: "Guarda ti ho portato i limoni ancora con le foglie, sai che belle foto che ci fai". :)
    In questo periodo ho pensato anche io a fare un dolce con la meringa, mi devo solo prendere di coraggio non vendo mai fatto meringhe fino adesso! La tua crostata è bellissima e sono sicura anche buona anche se questi frutti mi incuriosiscono parecchio, io adoro provare sempre cose strane e particolari!
    Ti auguro un buon weekend :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, è sempre piacevole confrontarsi sulle situazioni della vita :) Siamo molto simili noi due, anche per il papà che porta i frutti freschi con le foglie, non ci crederai ma dice la stessa cosa anche a me :D
      Grazie mille per le tue parole, un bacione grande :*

      Elimina
  6. Marti il tuo papà è proprio forte ma ora sono curiosa di sapere il suo giudizio su questo dolce...anche se a giudicare dalle foto si percepisce a pieno la bontà
    Buon sabato sera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh Enrica, è stato molto apprezzato! Anche se la mamma, golosa com'è si è mangiata prima tutta la meringa :)

      Elimina
  7. Mai visto questo frutto ma l'aspetto sembra invitante....la prossima volta chiamami che faccio io da cavia!

    RispondiElimina
  8. Eccola qua...aspettavo la tua ricetta!!!!!!:) m'incuriosisce davvero tantissimo!!! Io sarei felicissima di poterla assaggiare!:) un bacione cara, buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simona, ti ringrazio avevo visto infatti :)
      Un bacione anche a te

      Elimina
  9. E' uno spasso tuo papà :D Capisco bene il tuo scoramento. Anche io vivo in casa con i miei e se mio padre è dell'idea se non si muove, lo mangio, mia madre fa di tutto per sabotarmi.. A volte ci riesce anche solo col pensiero a farmi tirare fuori delle ciofeche immangiabili. Quando poi riescono è la prima a chiedermi come l'ho fatta e/o di replicarla.. Il mio fidanzato, invece, poco incline all'assaggio di ciò che non ha un gusto a lui noto, è inoltre anche un estimatore (solo) di cioccolato (al latte), per cui se gli presento una torta di mele mi storce il naso. Pensa tu! Ma il bello è anche questo. Alla fine si decidono a mollare la presa e tu hai vinto una piccola sfida. Non conoscevo i pineapple guava, se non dalle tabelle alimentari dell'INRAN. Mi piace molto questa tua idea.. Chissà se in giro troverò mai i pineapple guava per provarla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha "se non si muove lo mangio" mi piace tantissimo questo ragionamento!! Hai ragione, la nostra forza di volontà mista a passione per la cucina ci fa superare tutti gli ostacoli mentali e non ;) Mi auguro che riuscirai a trovare questi fruttini o che potrai assaggiarli una volta nella vita

      Elimina
  10. Assolutamente mai visto questo frutto...ma vedo che sei riuscita ad utilizzarlo al meglio...
    Io in casa ho il mio compagno che assaggia comunque tutto...la mia mamma, che fortunatamente non abita con me, è molto più distruttiva, infatti quando c'è si ritrova le preparazioni nel piatto a sorpresa...
    Buona domenica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna che ci sono i maschi divoratori di tutto ciò che è commestibile :)

      Elimina
  11. Mi hai fatto morire da ridere! L'incoraggiamento da parte del babbo è troppo tenero, almeno ci prova (quella della fiamma ossidrica è un dettaglio da rivedere :-P)!
    Ho assaggiato già in passato questo frutto e devo confessarti che mi è piaciuto tantissimo..non sono facili da reperire quindi 6 stata molto fortunata a poterne avere così tanti e di sicura provenienza (???)!
    Buonissima la crostata che ti 6 studiata..sono sicura che su questa non avranno avuto da ridire :-P!!!
    Buona domenica
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consu ehehe infatti papà ne aveva portato un bel cestino! Si si la crostata è stata apprezzata senza troppi mormorii :)

      Elimina
  12. Troppo simpatico il tuo babbo! Secondo me scherza ma sotto sotto è contento che gli prepari tante cose deliziose e anche insolite...questa volta poi tu ha spiazzato lui portandoti a casa questo frutto stranissimo che non avevo mai sentito nominare...curiosissima di conoscere il suo sapore! Se ne è avanzata una fettina faccio un salto dopo pranzo!!!!
    Buona domenica
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero Silvia che sia contento :) Ti ho riservato una fettina per il dessert :)

      Elimina
  13. Ma grazie a te e alla tua immensa cultura che porti sulle tavole di casa nostra questi ingredienti particolari!!! Davvero un frutto particolare e la tua preparaione e'eccelsa!! Magri avessi in famiglia una sorella come te!
    Presto inserisco la ricetta intanto grazie Martina ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vaty, mi piacerebbe tanto averti come sorella :)
      Grazie a te per questa opportunità, un bacione!

      Elimina
  14. Il tuo babbo è troppo simpatico Marti!! Sai che non ho mai visto ne sentito parlare di questi frutti...curiosi!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Chiara, sono proprio curiosi :)

      Elimina
  15. ah però che caratterino il tuo babbo, che forte...,ma comunque sai che i genitori hanno sempre l'istinto di aiutare i propri figli.
    Anche zia e nonna di mio marito mi danno grandi soddisfazioni, dopo aver cucinato per ore per loro mi dicono che non vale la pena fare tanta fatica perchè ci sono prodotti già pronti veramente ottimi, ma ti pare????
    Tu comunque vai avanti per la tua strada perchè hai un grande talento, questa torta è a dir poco pazzesca, sembra appena uscita da una pasticceria di Parigi
    bacioni
    sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aahah eh si conosco il genere :) Grazie mille Sabina, è un complimento bellissimo il tuo!
      Un bacione grande

      Elimina
  16. Io ti farei così volentieri da assaggiatrice! :D La passione per la cucina è esplosa da quando sono andata a vivere da sola, quindi adesso è Matteo che sta dietro alle mie ricette e se ti dicessi tutti i commenti che fa... mica sempre positivi, ahaha! Dipende... :P
    Questi frutti non li conosco, motivo in più per incuriosirmi... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franci, eheh gli uomini...!! Io mi immagino insieme a parlare di cose buone, a sfornare e impastare e a fotografare...rincorrendo Ulisse che gioca con i nostri protagonisti :)

      Elimina
  17. Se in un'altra vita tuo padre dovesse essere single gli presento mia madre: anche lei oggi mi è arrivata con le feija! E mi ha anche detto: peccato che in primavera non ti ho portato i fiori perché sono commestibili anche quelli! Ottimo uso! Un bacio cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai? Non lo sapevo, aspetto ricette allora :)

      Elimina
  18. Ciao Martina, come stai? Che bella la tua crostata meringata. Sono le mie preferite! Conosco questo frutto solo di nome, ma non l'ho mai assaggiato... che sapore ha????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, eh insomma molto indaffarata :) Questo frutto ha vagamente il sapore dell'ananas...è molto profumato però...
      un bacione

      Elimina
  19. Questi frutti non li ho mai visti......ma la tua meravigliosa torta la mangerei molto volentieri!!!
    Simpaticissimo il tuo papà e sicuramente molto orgoglioso di sua figlia in cucina!!!
    Baci

    RispondiElimina
  20. e soprattutto ritrovarselo fatto alle volte è ancora più buono!!!questa torta è paradisiaca.mi piace!

    RispondiElimina
  21. martina! ma io non conoscevo affatto questi frutti!! potrei entrare a far parte della tua famiglia di diritto : ))
    però la tua torta è il degno risultato della tua curiosità e del tuo entusiasmo in cucina.
    mi piace moltissimo!!!

    RispondiElimina
  22. Ahahahaahah bello il tuo racconto! Io ti dico...ho contagiato mia mamma nel vano tentativo di fare dolci senza lattosio e lei fa esperimenti a dir poco rivoltanti...ma cosa posso farci, almeno lo fa con amore :)
    Un abbraccio e ...bella la tua torta con la fet...quella cosa lì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Berry, le mamme sono sempre le mamme :)
      eheh un abbraccio forte!

      Elimina
  23. prestami il tuo babbo ti prego!! mi manca tanto il mio :) che costriuva scaffali storti e si ostinava a volerli incastrare tre i pilastri, dritti!
    bellissima ricetta :)
    besos
    sally

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sally, ho immaginato il tuo babbo...in una frase sei riuscita a racchiudere tutto il tuo amore per lui :)
      Un bacione grande

      Elimina
  24. Le tue parole mi hanno fatto sorridere!! ahah tuo papà è fortissimo...
    questi frutti non li conoscevo ma direi dal dolce che ne hai ricavato.. sono ottimi!!!
    un abbraccio
    vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, ti ringrazio! si sono un po' particolari,il loro profumo è inebriante però :)

      Elimina
  25. Forse perchè abito fuori casa, i miei invece sono contentissimi di farmi da cavia. A dire la verità mio padre si presta solo per le produzioni dolci mentre mia madre è ben felice di provare sia quelle dolci che quelle salate. Così si risparmia anche di cucinare, dice che è un po' come andare al ristorante ;-)

    Non avevo mai visto ne sentito parlare di questi frutti. Scusa ma che sapore hanno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello che sia così :) eh il sapore è difficile da descrivere, come ho detto è simile all'ananas ma la consistenza molto gelatinosa

      Elimina
  26. aahaha che soggettino il babbo! ma mi è sembrato molto tenero :) io a casa passo come quella che mangia cose "strane", appellativo che secondo me ha mooolto di relativo, anche se piano piano a piccoli passi sto facendo conoscere e apprezzare qualche alimento fino a poco fa sconosciuto.
    Per me, sconosciuta è ahimè la fejoia (ma come si legge?! qui farei esattamente come tuo papà!), che non ho mai visto prima, sarei curiosissima di assaggiare la tua marmellata! :)
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è una cosa bellissima poter conoscere e apprezzare alimenti sconosciuti prima, è un po' come viaggiare :)
      Un bacione

      Elimina
  27. Ahahahahah Marti, mi hai fatto morire... i frutti dell'Edenne... sei fantastica! E tuo padre è dolcissimo, bello lui :) <3 Ho mia madre e il mio fidanzato che sono miei grandi fan (vabbè, nel primo caso, ogni scarrafone è bello a mamma sua, nel secondo posso dire di aver creato un mostro :D ) ahahahah... però ogni tanto mi dicono: ma dove l'hai cacciato questo ingrediente/ricetta? Ma non è meglio 'na cosuccia normale? Ahahahahah :D Non conoscevo questi frutti e adesso sono curiosissima! Qui non li troverò mai, già lo so! La tua tarte è stupenda, sei geniale! <3 Un abbraccio forte forte e buona giornata :) :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeee ahah hai creato un mostro? :D Lo sai che anche a me me lo dicono? " Perché non fai una cosa semplice?" :D
      Ti abbraccio forte forte dolcissima :) <3

      Elimina
  28. Le foto son meravigliose e il dolce anche! e tu sei molto simpatica! Pero' in casa ti lasciano fare vedo...io non avevo la possibilita' e mi sarebbe piaciuto! byebye Annalisa di http://www.donnaecasa.it/blog/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che ho le mie strategie per cucinare in casa eheh :)
      A presto!

      Elimina
  29. Io ho dovuto aspettare di sposarmi per poter mettere mano finalmente ai fornelli senza dover dare conto in famiglia. Ed il fatto che tu già lo possa fare a casa tua è sicuramente molto positivo e poi tutte queste esperienze le porterai con te un giorno. E se ci fai caso, è difficile che un parente legga o sua i nostri blog. E non è un caso. Intanto hai scoperto i feijoa che io nemmeno sapevo esistessero. Bella contaminazione e simpatico il racconto.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, ho l'opportunità di imparare molto pasticciando in cucina, ti ringrazio Fabio e a presto!

      Elimina
  30. Ciao cara, ma che delizia! Brava, brava, brava!
    Se passi da me c'è un premio per te
    Un abbraccio
    Nina

    RispondiElimina
  31. no scusa... ma me la posso ridere? :D
    troppo forte il tuo babbo.
    nemmeno io ho mai sentito questo frutto (?) però il dolce mi pare niente male :-P
    brava e felice w.e.

    RispondiElimina
  32. Credo sia squisita questa torta! Mi hai appena fatto conoscere un nuovo frutto e sono contentissima. All'inizio avevo visto la foto molto di sfuggita e credevo fossero lime, poi ho guardato bene e non lo erano per niente!
    Complimenti per questa ricetta! Sembra buonissima!
    Giudy

    RispondiElimina