20.11.13

HomePane gnocchi





Vogliamo parlare di quante volte ho scritto questo post? L'ho scritto tra una riga e l'altra di tesi, l'ho scritto mentre ero in piedi sulla soglia della porta pronta per uscire, l'ho scritto ieri sera tardi prima di andare a dormire (e dopo aver impastato i gnocchi) e lo sto scrivendo ora, esattamente 24 ore dopo averlo iniziato.
Non ci posso far niente, non riesco ad abbandonare il blog e voi, curiosando nelle vostre cucine.
Ho scritto di dolci già fatti, e di come vorrei avere il tempo di prepararli di nuovo; ho scritto di persone con problemi con cibo (questione troppo delicata per scriverla in due righe); ho scritto di come da bambina toglievo la mollica al pane in tavola e mi divertivo a formare tanti personaggi commestibili; ho scritto e raccontato delle bellezze d'Italia e alla fine ho cancellato tutto.
Meglio non parlarne.
Non si può scrivere un post coerente se non si ha nulla da dire. 
Ebbene sì, ho la testa talmente in confusione, gli occhi così rossi dopo 16 ore passate al giorno davanti allo schermo del pc, il sedere che ha preso la forma della sedia e le gambe gonfie come palloncini, che non riesco più a parlare (o a scrivere) di altri argomenti  che sia al di fuori della tesi su cui sto lavorando. E proprio non mi va di fare la lagna qui con voi che mi sostenete con tutto il vostro affetto, e ve ne sono grata.
Quindi so che mi perdonerete.

Meglio concentrarsi sul pane di Matera. Ho avuto la fortuna di poter partecipare al concorso Mangiare Matera e di conseguenza la fortuna, di poter scoprire e assaggiare prodotti fantastici di questa terra. Lo scopo di questo concorso è proprio quello di far conoscere i prodotti agroalimentari della Lucania e di Matera. Questo pane e in particolare la sua mollica così buona l'ho usata per i gnocchetti. L'impasto l'ho aromatizzato con lo zenzero e il caciocavallo, e il tutto l'ho condito con un delicato pesto di carote e pinoli.

Gnocchetti di pane allo zenzero con pesto di carote e ricotta



Ingredienti:
400 g di pane di Matera (solo la mollica)
80 g di prosciutto crudo
80 g di parmigiano grattugiato
2 uova
200 g di farina di semola di grano duro
sale e pepe bianco 
prezzemolo fresco
50g di zenzero fresco
burro qb

per il condimento:
5 carote bio
100g di pinoli
ricotta di pecora qb
1/2 cipolla
olio evo (Dante)
burro qb
sale e pepe
brodo di pollo qb

Preparate prima il pesto. Ho messo su una pentola un goccio di olio e la cipolla tagliata a fettine per farla dorare, ho aggiunto le carote tagliate a pezzetti e un bicchiere di brodo. Una volta cotte le ho frullate con i pinoli, ho aggiunto sale e pepe, e un altro goccio di olio, e qualche cucchiaio di ricotta per creare una crema.



Per i gnocchi: ammollate in una ciotola il pane con il latte, aggiungere il prosciutto, i formaggi grattugiati, le uova, la farina, il prezzemolo fresco tritato, una bella manciata di zenzero (precedentemente sbucciato e grattugiato) sale e pepe bianco. Impastare per bene il tutto e formate i vostri gnocchi aiutandovi con poca farina.
Mettete sul fuoco una pentola colma d'acqua e una volta che bolle lessate i vostri gnocchetti. Non importa la misura, saranno pronti quando vengono a galla.
Scolateli e ripassateli in padella con il pesto di carote e una noce di burro.



Con questa ricetta partecipo quindi a #MangiareMatera


Vi abbraccio forte,

52 commenti:

  1. Ciao Martina!!!! Posso solo immaginare la tua stanchezza....comunque ci hai regalato un piatto favoloso!!!!!:)
    Complimenti cara! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo! Ti ringrazio tanto!! un bacione grande

      Elimina
  2. Martina cara ma ti rendi conto che cosa impegnativa stai preparando? Brava brava a riuscire a pensare anche al blog, sei una ragazza adorabile e i tuoi gnocchi mi hanno conquistato e poi questo pesto leggero alle carote deve essere delizioso.
    Un abbraccio grandissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enrica cara, diciamo che per fortuna non me ne rendo ancora tanto conto :D
      Un abbraccio forte forte

      Elimina
  3. Tesoro, non c'è bisogno di giri di parole, ti capiamo come se la tesi la stessimo scrivendo noi e ti sosteniamo in tutto e x tutto!
    Questo piatto è fantastico e non ha bisogno nemmeno lui di tanto parole ma solo di essere assaporato, lentamente cogliendone ogni singola sfumatura!
    Un bacio e un abbraccio stretto stretto <3
    la zia consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zia Consu, grazie mille per le tue parole piene d'affetto :)
      ricambio l' abbraccio stretto stretto <3

      Elimina
  4. Ciao Marti bella <3 E' comprensibilissimo che tu ti senta stanca, mi sembra il minimo... tieni duro, sei in gamba tu! <3 Questi gnocchi sono fantastici, mi piacciono il condimento e l'abbinamento di sapori! Bravissima :) Un abbraccio forte forte e buona serata :** <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valee ciaoo <3 Grazie per il tuo sostegnoo, un abbraccione forte <3

      Elimina
  5. Come ti capisco Martina, ogni tanto si ha la testa talmente in confusione che non si riesce neanche a spiccicare parola (vedi il mio penultimo post :D).
    Complimenti per questi gnocchetti, hai avuto un'idea davvero originale :)
    Ti abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh Vale, vengo subito a leggerlo, mi hai incuriosita :)
      Grazie cara, un bacione!

      Elimina
  6. Immagino quanto devi essere stanca e provata...eppure sei riuscita a preparare questa meraviglia...chapeau!

    RispondiElimina
  7. Ma che bello questo piatto di gnocchi! Sai che non mangio quelli di patate ma quelli di pane sì e li adoro...con questo pesto arancione poi saranno buonissimi!!!!
    Bacioni
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero non mangi quelli di patate? si si l'abbinamento ci è piaciuto molto :)
      Bacioni anche a te!

      Elimina
  8. Beh il tuo post riflette le caratteristiche di una persona sicuramente molto profonda, che vorrebbe dare solo il meglio e che dà molto peso alle parole perché ritiene che siano importanti :)! E che anche questo spazio per te è importante si vede da mille cose, sicuramente anche da questo magnifico piatto, originale, bellissimo che comunica comunque più di mille parole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorrido e non so che dire...grazie! La tua considerazione su di me è proprio bella e le tue parole mi solleticano il cuore :)

      Elimina
  9. Uh, come mi piace questa ricetta! E anche le foto, Martina, sei stata brava con quelle con lo sfondo nero! Dai, continua così, vedo passi avanti... :-) E ne farai tanti anche personalmente, stai vivendo un periodo pieno, delicato, emotivamente non facile... tieni duro, adesso la tensione e la stanchezza sono alte ma presto ti godrai la soddisfazione della meta... e io ci sarò ad aspettarti... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francy! grazie mille! lo sfondo è stato un po' un caso in realtà c'è un vecchio armadio dietro ehehe :) Comunque non vedo l'ora che arrivi "il dopo", non vedo l'ora che arrivi il Natale ;)

      Elimina
  10. martina nonostante gli impegni e la stanchezza la tua fantasia culinaria è più fervida che mai! E di questo te ne sono grata! un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina, io sono grata a te per le tue parole!
      Grazie, un bacione grande

      Elimina
  11. In bocca al lupo per la tesi Martina...è uno dei momenti più stressanti ma anche entusiasmanti che si possano vivere! Questi gnocchi di pane sono un capolavoro!! Bravissima!!...brava anche a sponsorizzare i prodotti di una terra sottovalutata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flavia, ti ringrazio! Spero che l'entusiasmo arriverà presto, ora purtroppo è sommerso dallo stress :)

      Elimina
  12. Martina, vedrai che tutto andrà per il meglio, non demordere... Sei sempre più brava, nelle foto e nelle ricette... Sei la mia "guru"!!!! :-)
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michy!! :) graziee, "guru"? che parolone :)
      Un abbraccio forte forte

      Elimina
  13. woooow che cosa non sono questi gnocchi!!!!
    io non partecipo a mangiare Matera, e vedendo quello che hai pubblicato posso solo che ringraziare il cielo.. mi sarei sentita una nullità! : ))))))
    bellissimo piatto.. bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che dici? :D sei così piena di fantasia e di abilità nelle tue ricette che saresti potuta essere una sicura candidata alla vittoria!! ;)

      Elimina
  14. Continuo a dire che questo contest è una figata e peccato non aver potuto partecipare! Ricetta stupenda, la provo anche io, certo non con il pane di Matera, ma un buon pane casereccio abruzzese andrà bene :)

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marco, sono d'accordo :) mi dispiace che non siete riusciti a partecipare! Provali questi gnocchetti, il pane casereccio abruzzese andrà benissimo :)

      Elimina
  15. ma sai quanto tempo è che voglio farli..ora ho la tua ricetta!
    bacione

    RispondiElimina
  16. No cioè parliamone....gnocchi fatti con il pane davvero non mi erano mai capitati!
    Tu sei un vero G-E-N-I-O...con le gambe gonfie e gli occhi rossi ma comunque un genio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elenuccia ehehe grazieee ma non ho inventato proprio nulla io :)

      Elimina
  17. Il pane di Matera è sensazionale, l'ho assaggiato poco tempo fa, caldo, fuori a cena e non riuscivo a smettere di mangiarlo! I tuoi gnocchi sembrano venuti benissimo, brava!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Jessica, anche a me è piaciuto tanto!
      Ti ringrazio, a presto!

      Elimina
  18. Ciao! Seguo il tuo blog da sempre ma non ho mai scritto! Volevo farti i miei più sinceri complimenti per il bellissimo blog che hai aperto, ma soprattutto mi congratulo con te per la felicità che trasmetti quando scrivi i post, si vede che ti piace davvero tanto cucinare e lo dimostri nel migliore dei modi! In bocca al lupo per il futuro e buona fortuna, te ne meriti tanta! Ops... dimenticavo, io sono Vincent Barrosch, un biscottino anziano che si vuole cimentare nei megapixel che parlano il bloggese culinario... spero di avere almeno la metà del tuo successo. Au Revoir mon cherie!

    P.S. se ti va di fare un saltino questo è il link www.ricettevelociveloci.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Vincent, mi hai scritto delle cose bellissime! Viva il lupo e presto verrò a trovarti :)

      Elimina
  19. Io non posso fare a meno di seguirti. Sei bravisima cara. Le foto sono sempre stupende e le ricette hanno sempre una marcia in più! <3

    RispondiElimina
  20. Chi non si è divertito a "giocare" con la mollica del pane? E' talmente invitante strapparla dalla crosta e modellarla, prima di mangiarla. Periodi particolarmente intensi capitano a tutti, questo è il momento della tesi ed è giusto che i tuoi sfozi siano principalmente rivolti lì. Nonostante ciò sei riuscita a realizzare comunque un'ottima ricetta, interessante davvero.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabio, anche tu esperto giocatore vedo! :)
      Grazie, un saluto!

      Elimina
  21. Eccomi, in ritardo ma arrivo... in bocca al lupo per il concorso!

    RispondiElimina
  22. questo periodo passerà e il tuo sedere riprenderà la forma consona, i tuoi occhietti risplenderanno di luce propria e il pc sarà solo un piacere per il gusto della sana scrittura culinaria e non, ora non rammaricarti, noi siamo con te anche durante questo periodo pesante e laborioso.Fatti forza, ormai sei agli sgoccioli cara.
    Un abbraccio mentre mi gusto i tuoi gnocchi e la fragranza del tuo pane!
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, grazie mille e grazie ancora! Ti abbraccio forte forte :)

      Elimina
  23. Ciao Marti, come stai? Come procede con la tesi? Un abbraccio forte forte, tesoro, buona serata :** <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vale, eh insomma sto così così :) con la tesi diciamo che sono alle conclusioni, ma ho ancora molto su cui lavorare...ti ringrazio per l'interessamento, non sai quanto mi faccia piacere
      Ti stringo forte forte <3

      Elimina
  24. Prima di tutti forza e coraggio per la tesi! Il blog è una valvola di sfogo quindi è ottimo per staccare la spina... è vero che spesso si ha la tentazione di condividere sempre gli stessi pensieri che ci assillano con gli altri, ma per fortuna poi ci ricordiamo che qui si parla di cibo e cose allegre! Per lo meno ci si prova! :-)
    Complimenti per il post!
    Un abbraccio
    Giudy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giudy, ti ringrazio per il sostegno e per i complimenti! hai ragione per quanto riguarda il blog..spero di tornare presto attiva :)
      Un abbraccio forte

      Elimina
  25. Martina, mi sono ficcata in un progetto che amo , ma che mi assorbe più di quanto credevo e di conseguenza rimando le visite agli amici..però volevo farti sentire che ti aspetto ♥ tu fai quello che devi e poi torna , siamo tutti qui!
    P.s..quel pane..ne hai fatto una delle tue chicche :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sandra, hai fatto benissimo ad iniziare un nuovo progetto :) Ti ringrazio per il tuo affetto, ti ringrazio tanto e ti stringo forte!

      Elimina
  26. Come ti capisco cara!
    La ricetta è deliziosa e la tua presentazione è, come sempre, fantastica!
    Un abbraccio grande e buone feste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buone feste anche a te Sabrina e grazie :)

      Elimina