2.6.14

A come amaro



"Non tutti i mali vengono per cuocere" qualcuno mi ha detto questo dopo che il forno si è spento a metà cottura.
Ora la prendo con un sorriso, ma quando ti trovi in un paese straniero in una casa che non è la tua e dove cerchi di arrangiarti con i pochi strumenti che hai a disposizione, eventi come questi possono farti scoraggiare.
Eppure il gatto nero che ci guardava questa mattina poteva essere un presagio.
In un attimo ti trovi con una teglia piena di bignè appena cotti ma carbonizzati, di colore nero così intenso che avrebbero spaventato anche i corvi.
C'è sempre la crema al caffè preparata in precedenza.
Ops, ma ho scordato di zuccherare il caffè!

Caffè nero lo chiamano qui.
Il color nero non mi ha mai attirata e fin da piccola ne stavo alla larga.
A luce spenta mi rintanavo sotto le coperte, nel buio, ma mi sentivo al sicuro con gli occhi ben chiusi.
Il nero era il colore delle streghe cattive. Era l'ignoto, il male, la "cosa brutta".
Ma è nel buio che ho capito che amo la luce, soprattutto quella che traspare in una foto scura.
Il mettersi in discussione ed affrontare l'oscurità che c'è dietro ogni scelta.
Oggi curioso nel lato oscuro della luna.
Ora il nero è il colore di un caffè amaro, che qui in Olanda in casa di tre italiane non viene sprecato neanche in una goccia.
Nero è il colore del cacao che nasconde la dolcezza di un tiramisù.
Nero è il colore dell'inchiostro della penna che utilizzavi per scrivermi messaggi d'amore;
E' il colore di quello stesso gatto che nel pomeriggio si è avvicinato, ha fatto le fusa, preteso qualche coccola e ha fatto anche un giro sulla bici.

L'ho zuccherato due volte il caffè questa mattina.
Amaro è un rimpianto di una bacio non dato.
Amore è la speranza di altri mille baci. Senza l'amaro, l'amore non è poi così dolce.

Ora è notte ed è buio fuori dalla finestra.
E' buio. Ma è una notte piena di stelle.


Crepes con crema al caffè


Ingredienti
per le crepes:
125 g di farina
250 ml latte
30 g di zucchero
1 uovo
Una noce di burro
zucchero a velo qb

per la crema al caffè:
150 ml di latte
50 ml di caffè espresso
2 tuorli
20g di farina
80g di zucchero


In una ciotola unite farina e zucchero aggiungendo il latte mescolate con le fruste. Unite l'uovo e sbattete con le fruste. Lasciate riposare per mezz'ora l'impasto.

Preparate la crema.
Riscaldate il latte senza farlo bollire, toglietelo dal fuoco e aggiungete il caffè. A parte montate i tuorli con lo zucchero, aggiungendo poi la farina setacciata e il latte caldo a filo.
Rimettete il composto nel tegame e portate ad ebollizione continuando a mescolare fino a che la crema non si addensa.
Lasciate raffreddare.
Quindi, in una padella antiaderente, a fuoco basso, fate sciogliere la noce di burro. Con un mestolo versate un po' d’impasto facendo cuocere da ambo i lati.
Una volta pronte riempitele di crema, ripiegatele in due e poi in quattro e impiattate cospargendole di zucchero a velo.




35 commenti:

  1. Ciao anche io ultimamente sono un po' sfortunata con i bignè! Penso però che tu abbia recuperato alla grande, nonostante le avversità e i presagi non certo positivi! A volte basta semplicemente riuscire ad adattarsi e a non demordere! Brava il risultato è molto intrigante! buona giornata
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, non bisogna demordere...i bignè poi non sono una cosa così semplice! Grazie Paola, un bacione e a presto!

      Elimina
  2. Tesoro direi che comunque ti sei concessa ugualmente una vera golosità....io invece sono da sempre affascinata dal nero che nasconde e svela solo quello che vogliamo!!Un bacione grande,
    Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Imma, tu mi puoi capire, sei la regina delle golosità :-) MI piace questo tuo modo di vedere dietro alle cose...lo prenderò come spunto!
      Un bacione

      Elimina
  3. A me il nero piace invece, lo considero un colore acceso pensa un po'! Cara Martina anche da lontano non sai rinunciare a deliziarci con i tuoi pensieri positivi, il tuo sorriso che traspare dalle foto e dai piatti meravigliosi che prepari! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marina, sei molto gentile! Grazie per tutti i tuoi complimenti, a presto!

      Elimina
  4. Fortunatamente il nero non mi ha mai spaventata, in tutti i sensi. Ma sono dell'idea che senza di lui non si riuscirebbe ad apprezzare la luce.
    Ottima e golosa proposta che scaccia ogni brutto pensiero ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consu, i dolci sono sempre un ottimo rimedio per cacciare via i brutti pensieri ;-)

      Elimina
  5. Il nero mi è sempre piaciuto, ma mai come in questo momento :)
    Quel "taste a smile" è divenuto una sorta di promessa che non smetti mai di mantenere e queste crepes al caffè sono un'ulteriore carezza :) Invitanti, anche più di un bignè ben dorato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura più di un bignè? :-D Cara, ogni tua parola è carica di affetto ed è una carezza nei miei confronti :-)

      Elimina
  6. Quello nero, nero dal sapore intenso piace molto pure a me... il caffè messo su una crèpe è una vera delizia! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insolito nelle crepes, ma davvero sfizioso :-)

      Elimina
  7. Che foto splendide Martina!! Quelle crepes che emergono dal nero sono molto, molto invitanti!!! Anche per me che non amo il caffè...ma che nei dolci mi piace:)
    Un bacione cara!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo, grazie! Conosco molte persone che come te non apprezzano i caffè in tazzina tanto quanto quello nei dolci :-)

      Elimina
  8. Ottimo modo di rimediare ad un inconveniente, di quelli come ne capitano spesso e che ogni volta fanno arrabbiare.
    E ottimo modo di vedere l'amaro, e il nero. Soprattutto in contrapposizione con l'amore.
    Buona settimana. :-)
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice, grazie mille! Apprezzo moltissimo il tuo pensiero, buona settimana anche a te :-)

      Elimina
  9. Che meraviglia, queste crepes così sottili.. e che buona la crema al caffè.. complimenti per le foto!! :D Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferisco quelle sottili, così il ripieno si sente di più :-)

      Elimina
  10. io adoro le tue foto , le tue ricette e le tue parole. <3

    RispondiElimina
  11. Buone! Adoro le crepes! Credo che questa crema al caffè sarà presto sulla mia tavola :)
    Raky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere allora se ti piacerà quanto è piaciuta a me :-)

      Elimina
  12. E' così piacevole passare qui da te, anche se sei così lontana , vedo la tua bici olandense, il gatto nero, voi che prendete il caffè al mattino.....lasci passare tutto magicamente attraverso il monitor Martina, anche la golosità di queste crepes.Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela e io ti sento così vicina a me. Grazie per esserci, un abbraccio forte!

      Elimina
  13. Che belle foto, che crepes sottili da addentare senza esitazione, che ricordi l'Olanda, ci tornerei volentieri pur essendoci stata tante volte! con la crema al caffè mai fatte, devo provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspetto qui Lilli, per offrirti un caffè o perchè no una crepe al caffè :-)

      Elimina
  14. Il nero è dolce-amaro, consolatorio ma anche opprimente...e i tuoi post sono sempre più belli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marti, è un piacere leggere i tuoi commenti! Grazie!

      Elimina
  15. delizioso il tuo blog, i tuoi post, le foto, i racconti, le ricette...parli di nero? bè , io l'adoro come il bianco che sono i miei "non-colori" preferiti...poi seguono tinte naturali e una serie di rosa : cipria, pastello,ciclamino,...
    parli di caffè? a d o r o !!! parli di dolci? sfondi una porta aperta :-)...un grande abbraccio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con tutti questi complimenti non so come darti il benvenuto qui larobi :-) Grazie mille ti aspetto qui e ti anticipo che ci saranno nuovi colori e sfumature rose!
      Un abbraccio

      Elimina
  16. Ƭhis is my first time pay a vіsit at hеre and i am trulү pleassant to read all at
    one ƿlace.

    Feel free to visit my web pаge: scaffold brackets

    RispondiElimina