7.1.14

Quando il nome non conta


Perdersi a Praga.
Lasciare nello zaino la cartina e intrufolarsi nelle vie più nascoste. L'unico modo per scoprire piccole meraviglie.



Guardare su e poi giù.


Continuare a camminare.
Sbirciare dalle ringhiere, dalle finestrelle dei muri sulle colline, guardare dai ponti.
Ammirare l'atmosfera, che cambia in ogni quartiere.


Visitare la periferia della città e avvinarsi lentamente al centro.


Entrare nelle chiese, a prescindere dalla religione.


Vi consiglio dicembre per visitarla.
Passeggiare tra i mercatini e ammirare i giochi di luce.



Gustare una pizza fritta, un panino con i wuster e delle patatine.
Mangiare un trdlo caldo e profumato.
Sporcarsi di zucchero, rincorrersi con le mani appiccicose e ridere.


Rimanere a bocca aperta.
Guardarsi intorno, rimanere sorpresi ancora.
Continuare a camminare.

Sentire la musica.
Ballare e abbracciarsi.

Farsi fare un ritratto sul Ponte San Carlo; oppure acquistare un acquerello di uno dei tanti artisti.


Prendere tempo, perderlo e non avere più la cognizione in una città piena di orologi.


Entrare in un negozio di burattini e tornare bambini.
Lasciare la fantasia impigliata tra i fili.
Continuare a camminare.



Aspettare il tramonto e godersi la città.



I giorni successivi, porterete con voi il suono dei gabbiani che si fonde nelle melodie degli artisti; la brina che pizzica sul viso e il suo bianco che colora le strade di prima mattina; la gentilezza delle persone, tante opere d'arte in mente, la voglia di imparare ancora.
Bellissimi ricordi della fine del vecchio anno e tanta speranza per il nuovo.
Questi giorni hanno tanti colori e il profumo del Natale ancora persistente tra le dita e nella mente.
Questi giorni hanno il profumo di un trdlo.

Il Trdlo è un dolce tipico della Repubblica Ceca e della Slovacchia. A Praga si trova ovunque, impossibile non notare la sua insegna. E' una simil pasta brioche neutra avvolta a spirale su un manicotto di metallo, lasciata cuocere lentamente sulla brace. Ancora bollente, viene cosparsa di zucchero, cannella e nocciole.
Questo dolce è rimasto in mente a me e a Valentina (e immagino a tante altre persone che hanno visitato la città). Parlandone abbiamo cercato di escogitare un modo per riprodurli in casa.
Vi lascio la mia versione, la mia è una prova (la ricetta l'ho presa da un sito polacco che diceva di averla tradotta dal ceco; leggete le note dopo la ricetta) sicuramente prossimamente ne troverete una anche da lei ;)

Trdlo o manicotto di Boermia




Ingredienti (per 8 trdlo):
200g di farina 00 (o Farina Petra per dolci lievitati)
80g di farina manitoba
100 ml di latte
1 uovo
30g di burro morbido
15g di lievito di birra fresco (o mezza bustina di quello disidratato)
zucchero di canna
zucchero a velo
cannella in polvere
granella di nocciole

Sciogliete il lievito (anche se usate quello disidratato) nel latte tiepido, aggiungete un cucchiaino di zucchero semolato e lasciatelo riposare per una decina di minuti. Aggiungetelo alla farina, unite l'uovo e il burro a pezzettini. Mescolate prima con l'aiuto di un cucchiaio poi impastate con le mani per una decina di minuti su una spianatoia. Otterrete un impasto liscio e morbido.
Lasciatelo lievitare per un ora almeno in una ciotola capiente coperta da un panno.
Accendete il forno a 200°.


Riprendete l'impasto e stendetelo per formare un rettangolo, con uno spessore inferiore ad un cm. Tagliare in verticale delle strisce di pasta.
Ritagliate delle strisce di pellicola di alluminio (dello spessore di un dito più o meno); foderate una bottiglietta (meglio se di plastica) oppure il vostro mattarello con le strisce di pellicola di alluminio; arrotolate le strisce di pasta in senso verticale sulla pellicola e create il vostro trdlo. Con cura sfilatelo con tutta la pellicola dal vostro sostegno e poggiatelo sulla teglia del forno in verticale.
Continuate così per tutti i trdlo.
Infornate i dolci e abbassate la temperatura a 180°.
Lasciate cuocere per venti minuti circa o fino a che non risultano dorati in superficie.
Mettete insieme gli zuccheri, la cannella e la granella di nocciole.
Sfornare immediatamente e con un guanto passarli uno ad uno nel mix di zuccheri.
Se avrete difficoltà con questa operazione spennellateli con del burro o dell'acqua e poi cospargeteli con lo zucchero.
Servite caldi, ma non riuscirete a resistere ;)

{Note}

  • Ho mangiato diversi tipi di trdlo durante il soggiorno a Praga. Alcuni erano di spessore maggiore e quindi molto più soffici, altri l'esatto opposto; alcuni erano ricoperti di zucchero a velo altri di zucchero semolato; alcuni avevano la cannella altri briciole di noci o nocciole o mandorle o tutto insieme. Quindi non so quale sia la ricetta originale, ma di sicuro vanno mangiati caldi!
  • Il trdlo può essere ricoperto di zucchero anche prima della cottura, io non l'ho fatto per paura che il dolce si indurisse troppo (non ho messo neanche la granella di nocciole, perchè a casa non piace);
  • Quando create il vostro trdlo, considerate anche l'altezza del vostro forno (i miei sfioravano il grill);
  • Lo so che quel buco vuoto al centro fa venir voglia di riempirlo con della cioccolata... 'so gusti ;)




Una scorpacciata di zucchero per iniziare bene l'anno nuovo :)
                                                                                                                        

52 commenti:

  1. Martina, il tuo viaggio e' stato incantevole. Le foto fanno venire voglia di partire anch subito, ma purtroppo qualcuno ci tiene legati a casa... la bimba e' ancora piccina e andare in giro con lei e' massacrante... ma spero di riuscire ad organizzare presto qualcosa perche' alla fine sono 2 anni che non faccio una vacanza come si deve... o___O ti rubo un dolcetto e lo riempio di crema... gnammm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erika, posso solo immaginare le responsabilità di una bambina così piccola. Ma non demordere, aspetta ancora pochi anni e vedrai le avventure che farete ;) Ne ho visti tanti di bambini a Praga, molto spesso in città, nei luoghi turistici o persino in alcuni negozi ci sono dei piccoli parco giochi! :)

      Elimina
  2. La città mi è rimasta nel cuore e mi piacerebbe visitarla a dicembre, come consigli tu, per respirare l'atmosfera di festa che tanto adoro. Il trdlo è delizioso, ricordo ancora la merenda fatta in un freddo pomeriggio con le mie amiche! Per essere un esperimento casalingo ti è venuto alla perfezione, io avevo pensato di sacrificare un matterello... Ma non ho mai provato :-D
    V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, si sono orgogliosa del fatto che sono riuscita a riprodurlo in casa :) Se l'hai provato in città allora non ti resta che provare a fare il dolce in casa ;)

      Elimina
  3. Sono stata a Praga in quinta superiore. Ora che vedo queste foto e dopo il racconto dei miei coinquilini che ci sono stati recentemente mi rendo conto che devo assolutamente tornarci per guardarla con occhi diversi. Mi sono persa troppe cose. A cominciare da questi dolcetti, porca pupazza! Segno la ricetta, in attesa di poter gustarne uno sul posto :) Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, hai ragione, alcune città meritano di essere viste con occhi diversi qualche anno dopo, di visitarle seguendo il proprio istinto. "Porca pupazza" non vedo l'ora di vedere i tuoi trdlo allora :D

      Elimina
  4. Ma veramente mi verrebbe voglia di rimpirlo con crema o cioccolata quel bucozzo.....!! :-)
    Hai ritratto le parti più belle di Praga, quella città è davvero magica! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh Chiara, mi era venuta voglia anche a me! Ti dico la verità, a Praga uno riempito di cioccolato l'ho mangiato e ti dirò, non mi è piaciuto così tanto come mi aspettavo!
      Ti ringrazio per i complimenti, un bacione :)

      Elimina
  5. che spettacolo! mi era decisamente scappato questo dolce ma ero anche piccola quando ho visto la città!perdersi è decisamente il modo migliore per vedere ogni posto!

    RispondiElimina
  6. Ero sicura che li avresti rifatti!!! Meravigliosi e meravigliosa la tua vacanza!! Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehe Marina allora un po' mi conosci ;)
      Grazie e a presto!

      Elimina
  7. Bello iniziare la giornata con queste foto e parole meravigliose!
    Prendo un dolcetto e ti auguro buona giornata!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michela, sei sempre così cara! Ti auguro una splendida giornata anche a te :)

      Elimina
  8. Che foto splendide!!!!!! Mi viene voglia di partire subito!!!!!!:)
    E che dolcetto delizioso....zucchero, cannella...li adoro!!!!! Un bacioneeeeee!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheh vengo con te, così ti faccio compagnia :)

      Elimina
  9. Che foto incantentevoli tesoro viene voglia di partire subito...Praga è davvero una città affascinante e tu l'hai mostrata al meglio e mi affascinano molto anche questi piccoli bocconcini meravigliosi dal nome impronunciabile:D...devono essere golosissimi!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Imma, ti ringrazio! Sì, il nome è davvero impronunciabile! Ricordano un po' le ciambelle fritte, quelle con lo zucchero semolato sopra, ma cotte in forno! (lo so, è un paradosso :) )
      Bacioni!

      Elimina
  10. Marti, aspettavo il tuo post dopo aver visto delle foto su fb, è un post stupendo con foto bellissime! Quei dolci poi, devono essere deliziosi e golosissimi con lo zucchero sopra ^_^
    Un bacione bella :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ileana, ti ringrazio! Si i trdlo sono davvero molto golosi, impossibile resistere... e non solo a Praga ;)

      Elimina
  11. Marti che foto favolose, Praga mi è piaciuta tanto ed hai scelto il periodo più bella per visitarla ora non ho scuse e devo fare i Trdlo a mio marito che li adora.
    Ti lascio un abbraccio grandissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enrica, ti ringrazio! Non ti resta che provarli allora ;)

      Elimina
  12. Eh caspita io mi faccio i miei bei viaggetti "mentali" e tu invece li visiti per davvero! Non valeeeee. Si che vale lo so.
    Bello il tuo reportage, dalle foto al racconto, a questo dolce rotolo fritto che tanto somiglia al cartoccio siciliano senza farcitura....:P
    Adesso mi hai incuriosita e mi toccherà documentarmi su questo dolce.
    Un saluto
    Ale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehe Ale è stato un regalo questo viaggio! in genere anche io come te faccio più viaggi mentali che reali ;) I cartocci siciliani li devo ancora provare! Magari ci scambiamo le ricette ;)

      Elimina
  13. Ed io perché a Praga non ho visto i trdlo? Forse perché era luglio?
    Che magia questi rotolini zuccherosi...certo che riempiti devono essere super!
    Ciao
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia :D a luglio le bancarelle non ci sono, ma se sbirciavi in qualche pasticceria forse si nascondono li i trdlo :)

      Elimina
  14. Marti miaaaaaaaaaaaaaaa la mia maghettaaaaa <3 Tesoro, sono stupendi e la tua spiegazione chiarissima!!! Sei troppo brava! Non vedo l'ora di provare, forse domani, vediamo! Mi è venuta una voglia pazzesca non solo di mangiare trdlo ma anche di tornare a Praga... e mò? Vabbè intanto penso ai trdlo! :D Le foto sono stupende, tutto il post è magico. Ti ringrazio immensamente, di tutto <3 Ti aggiorno prestissimo, un forte abbraccio e complimenti! :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeeeeee <3 <3 Ma chi è la prima persona che ha fiducia in me? :D Non vedo l'ora di leggere il tuo post! Poi non ti preoccupare, a Praga ci torniamo insieme :)
      Sono io che ringrazio te di cuore :*

      Elimina
  15. Che fascino questa città... l'ho vista a 18 anni, adesso attraverso le tue foto mi appare ancora più bella e ho davvero voglia di tornarci, con occhi più attenti e curiosi...
    Sono felice di sapere che è andato tutto bene, ma non avevo dubbi... certi viaggi danno la carica per affrontare tutti i mesi a venire... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Francy, in queste città bisogna tornarci con occhi diversi...la carica me l'ha data eccome :)

      Elimina
  16. Ecco, brava, bisognerebbe sempre "perdersi" nelle città per gustarle a pieno...
    Il dolce è decisamente invitante, proverò a farlo!
    Ci siamo unite ai tuoi lettori con gfc, se ti va di ricambiare ci trovi qui:
    www.sevacolazione.blogspot.it
    V

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille ragazze! Passerò a trovarvi con piacere :)

      Elimina
  17. Buon anno e che sia serenissimo pieno di salute e di tante soddisfazioni....e di tantissimo amore!!!!!!!!!!!!!!!
    Alice

    PS Posso riempirli con la nutella????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alice, certo che puoi riempirli con la nutella, ma ti avviso sono belli grandi ;)
      Buon Anno anche a te, l'amore è la mia forza, mi auguro che lo sia anche per te!
      Un bacio

      Elimina
  18. allo zucchero non si dice mai di no e neanche ad una bella città, non ho ancora avuto il piacere di visitare Praga ma amiche che l'hanno fatto (compresa te) dicono che sia stupenda. chissà che io non riesca ad andarci prima o poi.
    grazie per avermi fatto conoscere questo dolce tipico, mai visto prima, appunto!
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, ti auguro davvero di avere l'opportunità di visitarla!
      Grazie a te, a presto!

      Elimina
  19. Non si possono non notare a raga e sicuramente vanno anche assaggiati! Il nome poi è così particolare che è difficile dimenticarlo. Bella l'idea di riprodurli a casa, direi che il sistema è geniale e che ti sono venuti benissimo!

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno Fabio! Grazie mille per i complimenti :)

      Elimina
  20. Che bella dev'essere Praga! Non ci sono mai stata, ma le tue foto parlano chiaro!
    E della ricetta ne vogliamo parlare? Direi proprio che merita! :)
    Un bacione Martina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Emanuela! Praga è una piccola chicca, come i suoi dolcetti tipici :)

      Elimina
  21. Ti avrei accompagnata volentieri, Praga è meravigliosa!! Viene davvero voglia di riempire i Trdlo con la crema, caspita quanto devono essere buoni! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, si il trdlo è un dolce davvero particolare :)

      Elimina
  22. Io sono arrivata da te attirata dalla foto di questo dolce.E un dolce che io conosco bene, anche se non sono mai stata a Praga.Esiste anche da noi e di origini ungheresi e si chiama " kurtosh kolach".Vedendo la tua ricetta mi sembrano anche facili da fare.Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lilly, grazie per avermi fatto scoprire il "kurtosh kolach", non li conoscevo :)

      Elimina
  23. Praga, un altro sogno nel cassetto...che ormai straripa! E comunque bellissimo post, anche perchè ho finalmente scoperto come si chiamano quei dolci buonissimi che ho provato ad una fiera culinaria europea! :)
    Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Berry, mi fa tanto piacere che il post ti sia stato utile :D
      Un bacione

      Elimina
  24. Martina, che bel blog hai! sei davvero brava e hai scattato foto splendide! ti seguo con piacere e poi passo anche da Vale a vedere la sua versione, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sonia, ti ringrazio molto! A presto allora, un abbraccio

      Elimina
  25. Che belle foto!!!! E che dolcetto stupendo!!!!

    RispondiElimina
  26. Oddio ma li hai preparati in casa???!!!! Dopo il viaggio a budapest me li sogno ancora!!!! che buoniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii sul serio la faccio subitov eder anche alla mia amica!!! geniale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah grazie Valentina! Fammi sapere :)

      Elimina
  27. Ciao, sono senza parole.. SEI STREPITOSAMENTE BRAVAAAAAAAAAAAAAAAAAA !!!!! <3 <3 <3

    RispondiElimina